Agenzia MAC Ferrara
Home News e Curiosità News e curiosità dal Mondo
News e curiosità dal Mondo


la piccola volpe che sopravvive al terremoto

Una storia a lieto fine..

Il tenero cucciolo di volpe era rimasto intrappolato nel crollo di un fienile a Finale Emilia nella frazione di Canaletto, una delle zone più colpite dal sisma, è stato salvato dalla Forestale e dai volontari del Centro repupero fauna selvatica "Il pettirosso" a Finale Emilia, uno dei comuni più colpito dal sisma.

Come possiamo aiutare gli animali selvatici che hanno perso la loro "casa"?


Sono centinaia gli animali domestici e selvatici che hanno perso la loro casa (o tana) con il terremoto. Non solo i cani e i gatti ma anche i gufi, altri uccelli notturni, volpi che trovavano rifugio nei fienili e nelle case di campagna abbandonate hanno avuto bisogno dell'aiuto dell'ENPA e di tantissimi volontari per essere messi in salvo.

 
Un’amicizia fantastica

Parco di Haller, Mombasa, coste del Kenya.

Trascinato in seguito ad una esondazione dalla sua zona di origine, il fiume Sabaki, nella zona di Malindi è stato salvato Owen, un cucciolo di ippopotamo, vittima animale della tragedia dello Tsunami che colpì duramente queste zone nel 2004 queste zone, Owen, rimasto orfano ed unico superstite del suo branco, fu trasferito nel Parco di Haller, una riserva.

Owen, un cucciolo di ippopotamo dal peso di circa 300 kg all'epoca, ha stretto una profonda amicizia con Mzee, una testuggine Aldabra, di oltre 130 anni di età, il cui nome Mzee significa nella lingua locale del Kenya, Tanzania ed Uganda, lo swahili, "anziano signore saggio". Mzee in un primo momento non si mostrò entusiasta del suo nuovo amico, Owen rivolse quasi immediatamente le sue attenzioni a Mzee, ma in seguito la testuggine ha accettato le richieste bisognose di affetto di questo cucciolo d' ippopotamo solo ed abbandonato a se stesso.

Un'amicizia tra un ippopotamo ( un mammifero) ed una testuggine ( un rettile) dello stesso sesso è rara, ma molto bella, i due animali si muovono insieme, mangiano insieme, dormono insieme, si scambiano effusioni, si mordicchiano a vicenda, si amano, inizialmente se Mzee non mangiava, nemmeno Owen mangiava, obbligando i gestori della riserva a lasciare i due animali sempre insieme, come lo sono tutt'ora.

 
L'ospedale del randagio

Una clinica per accogliere e curare gli animali senza un padrone.

L’idea è venuta un gruppo di veterinari ad Ancona, coordinati dal Dottor Luca Giovagnoli, e si preannuncia  come un vero e proprio punto di riferimento per gli animali senzatetto a livello nazionale.

La sede della Vet rescue, così si chiama la struttura, aprirà ad Ancona, garantendo un servizio ventiquattrore su ventiquattro e in qualsiasi periodo dell’anno. I sostenitori del progetto (la donazione minima è 35euro) potranno usufruire di un programma vaccinale di base per il proprio amico quattro zampe e di un controllo annuale gratuito.

Per info contattaci.

 
Padre a 111anni

Undici figli all’età di centoundici anni.

L’arzillo vecchietto è un raro esemplare di tuatara, una lucertola originaria della Nuova Zelanda.

L’animale ha riscoperto il piacere del sesso dopo ben quattro decenni di astinenza..e stà già pensando a una nuova compagna.

 


Ultime notizie

13 Luglio 2017, 08.57
  Abbiamo ricevuto le ceneri della Ns. amatissima EVA e siamo rimasti  molto, molto colpiti e piacevolmente soddisfatti del Vs. operato assolutamente...
28 Febbraio 2017, 19.13
  Esprimo la mia profonda gratitudine per l'accoglienza e comprensione al mio grande dolore per la perdita della mia adorata gattina Viola e per la...
28 Febbraio 2017, 19.02
Ho letto ora la dedica per la mia cagnolina GIOIA!!!Sono certa che se avesse avuto le mani per scriverci avrebbe scritto cosí il suo ultimo saluto che mi...
28 Febbraio 2017, 19.00
Un grande ringraziamento a Barbara Aldo e Iole per il lavoro che fate per chi ama profondamente gli animali. Grazie per la vostra gentilezza, delicatezza,...

 


 

Ferrara terra e acqua